El blog que te descubrirá todo los consejos de decoración tanto para el hogar o eventos divertidos.

Trabajo infantil: creaciones en pasta salada

on Nov 23, 2017 in Sin categoría | 0 comments

Lavoretti per bambini: le creazioni in pasta di sale – 14 dicembre 2010 Vedi anche: Novità Next La pasta di sale offre numerosi spunti per realizzare piccole sculture e giochi per i bambini , i quali sono sicuramente i pi propensi a mettere le mani in pasta, per divertirsi un po e creare al tempo stesso delle piccole cose da soli. Questo prodotto è facilmente realizzabile in casa, attraverso pochi ingredienti e pochi accorgimenti, inoltre è anche un modo divertente per coinvolgere i più piccoli in giochi senza tempo e molto semplici da fare. Per realizzare a casa la ricetta per la pasta di sale occorrono i seguenti ingredienti: Farina (1 kg) Sale (1 kg) Acqua (1/2 litro) Ovviamente le dosi possono essere più o meno massicce, l’importante è che il rapporto di calcolo tra i vari ingredienti non cambi. Ideale per l’impasto è la farina di tipo 00, anche se nulla ci toglie di sfruttare altri tipi di farina, come quella integrale o di segale. Quest’ultima è però ricca di glutine, e l’impasto finale risulterà più lungo ad asciugarsi. Per quanto riguarda il sale è consigliato quello fino, meglio ancora se si macina ancora più finemente, a ottenere un impasto simile allo zucchero a velo. In aggiunta a questi ingredienti, possiamo aggiungere una miriade di additivi differenti, i quali possono conferire più robustezza e rigidità al lavoro finito, eccovi un elenco di quelli utilizzabili: colla da parati in polvere glicerina oli alimentari aceto chiaro succo di limone colla vinilica Tutti questi ingredienti sono facoltativi, possono comunque aiutare a rendere più resistente nel tempo il nostro lavoro, anche se non sono indispensabili per avere un buon risultato finale. Per preparare l’impasto per la pasta di sale ci sono vari metodi , possiamo impastare farina e sale direttamente in una terrina, aggiungendo di tanto in tanto l’acqua a temperatura ambiente, finché non otteniamo un impasto omogeneo e compatto. Un altro metodo è quello di far sciogliere il sale nell’acqua, aggiungendo successivamente la farina per ottenere un impasto sempre omogeneo. Un altro metodo prevede di far sciogliere il sale in acqua molto calda, per poi aggiungere la farina, l’impasto risulterà più appiccicoso, ma a lavoro finito avremo un pezzo più resistente e duro. Dopo aver ottenuto la consistenza desiderata, è consigliabile tenere per qualche ora a riposo in un luogo fresco il nostro impasto, e possiamo conservarlo anche per una intera settimana, basta avvolgerlo in una pellicola da cucina conservandolo sempre in un luogo fresco, ma non in frigorifero. Quando lo riutilizzeremo, avremo un impasto più umido, e ci basterà aggiungere della farina per renderlo lavorabile tranquillamente. Una volta preparato il nostro impasto dovremo lavorarlo con degli strumenti appositi , eccovi un elenco qui di seguito: mattarello grattugia spatola tagliapasta stampi e formine per biscotti spremi aglio stuzzicadenti o spiedini in legno altri piccoli oggetti vari (tappi, bottoni, cannucce, pettini, …) Quando avremo lavorato la pasta di sale a nostro piacimento, magari seguendo i numerosi tutorial online per fare diverse tipologie di lavoretti con la pasta di sale, possiamo far asciugare il tutto, e anche qui abbiamo diversi modi per poterlo fare. Possiamo farlo asciugare all’aria aperta, tenendo presente che non bisogna lasciarlo sul termosifone o fuori la notte, poiché rischieremo di rovinare tutto il nostro lavoro. Questo tipo di asciugatura è un procedimento lungo, ci vorranno diversi giorni prima che il nostro lavoretto sarà asciutto, si calcola un giorno per ogni millimetro di spessore del nostro lavoro. L’altro metodo è invece più rapido, e prevede una cottura al forno. Prima di mettere nel forno il nostro lavoro in pasta di sale, è consigliabile inumidirlo spennellandolo con un po’ d’acqua, e tenere il forno a una temperatura non superiore al 120°, meglio se si aggira intorno ai 100°. Se non vogliamo evitare che si rovini il lavoro, possiamo tenere un po’ aperto il forno dura

Post a Reply

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *